Full width home advertisement

Post Page Advertisement [Top]

Il numero 6/91 di Zzap! è stato spedito agli associati Airons di Vigevano lo scorso 26 settembre e, a meno di una settimana di distanza, cominciano già ad arrivarci i primi feedback della sua ricezione. Per questo motivo, da oggi sono disponibili alla vendita le copie residue nel nostro solito negozio on line, oboli.zzapmagazine.it. Ne approfittiamo dunque per presentare ufficialmente copertina e contenuti:


La bellissima copertina è opera del mai abbastanza celebrato Oliver Frey, storico autore delle cover di tutte le riviste pubblicate da Newsfield Publication e di quasi tutte le copertine della nostra rivista fino al numero 60, cioè quando le strade tra Newsfield e Xenia si separarono. La sua scomparsa ci ha spinti a cercare un artwork mai utilizzato per l'edizione italiana e la scelta è ricaduta su quello del numero 6 di Zzap!64, che ben si addiceva ai due giochi "principali" strillati in copertina. 

Anche su questo numero vi proponiamo un ricco sommario di recensioni per i vostri amati retro-computer (e console vintage). Novità assolute di questo giro sono la presenza di prove per Vic-20 e - udite udite! - Mega 65, un computer davvero incredibile a cui abbiamo dedicato un articolo di ben 4 pagine nella rubrica dell'hardware. Ma è una rivista piena zeppa di contenuti interessanti. Si comincia con una clamorosa intervista di Emanuele Feronato ai 4MHz, al lavoro sull'eclatante plaformer per NES Malasombra, seguita dalla completa disamina della mirabolante conversione di Eye of the Beholder per Commodore 64, uno dei migliori dungeon crawler degli anni Novanta. Un miracolo di programmazione capace di costringere il classico di Westwood in una moderna cartuccia per il biscottone e, per gradire, un buon motivo in più per avere un C128 a disposizione. Neanche il tempo di respirare con White Jaguar e Hakkenkast per lo Spectrum, che arriva il pazzesco demake di Alwa's Awakening per NES: un vecchio gioco per PC realizzato con lo scopo di sembrare un gioco per NES, che ora arriva veramente sull'8-bit Nintendo! Knights & Slimes per C64 ci riporta ai fasti di Bubble Bobble e simili, mentre la conversione per Amstrad CPC di Lala Prologue è un buon pretesto per scoprire questo gioco anche su tutte le altre piattaforme su cui è uscito (e sono tante). Facciamo un salto nel passato con Miner 2019er e spacchiamoci il cranio con Nurikabe di Carleton Handley, forse il gioco più intrigante tra quelli presentati alla Craptastic 4KB Compo 2022, cui abbiamo dedicato un completo coverage. L'Amiga (non) brilla con Junior's Great Adventure ma si rifà in parte con Black Dawn Technomage, mentre il Plus/4 stupisce ancora con una portentosa conversione di Impossible Mission. Gli amanti di dadi e avventure possono partecipare al gioco dell'oca con The Nightland, mentre Ball & Chain sfida le leggi fisiche sul Commodore 64. È tempo di un grande gioco anche per il Vic 20 con Get More Diamonds, mentre su MSX brilla la conversione di Shadow Switcher. E questi sono solo i titoli principali, poi ce ne sono molti altri di cui vale sicuramente la pena leggere le nostre argute considerazioni. Da questo numero abbiamo poi deciso di "riformulare" lo spazio dedicato ai remake, trasformandolo in quello dei revival. Qual è la differenza? Banalmente, oltre che ai classici remake in senso stretto, daremo spazio anche a giochi nuovi dedicati a icone del passato, grandi ritorni e così via. Ci sarebbe chiaramente piaciuto iniziare con Return to Monkey Island, ma non facevamo davvero in tempo a recensirlo prima di andare in stampa, così abbiamo pubblicato la recensione del divertentissimo Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder's Revenge, un gioco fracassone per PC e console come piace a noi!

Naturalmente, la rivista contiene anche news, posta e le solite rubriche di sempre. Ce l'abbiamo messa davvero tutta per confezionare un numero in grado di accompagnarvi per l'intero autunno e ci auguriamo che possa davvero piacere a tutti i nostri associati. 


Bottom Ad [Post Page]